About Me

Biografia

Bianca Beltramello nasce a Milano nel 1996.

Dopo il diploma scientifico, si iscrive alla facoltà di Lettere dell’Università degli Studi di Milano, ricevendo la borsa di studio “Exploit your talent” (2015).
Ottiene il diploma di corsetiere presso la Sartoria Teatrale Fiorentina (2016), e si specializza in Modellistica Uomo su Misura presso l’Istituto di Moda Burgo (2017).
Si diploma in Fashion Design presso Istituto Marangoni (2018).

Ha lavorato come restauratrice di abiti d’epoca e costumista per performers di burlesque. Al momento lavora come Prints and Graphics Designer presso Versace.

Come fashion designer indipendente ha collaborato con vari professionisti del settore, realizzando capsule collections e vedendo sfilare le sue collezioni.

Artista visuale per vocazione, il suo talento è stato inizialmente scoperto da Enzo Migneco “Togo” nel 2009. Da allora, ha collaborato con vari artisti anche internazionali.

Con le sue opere ha preso parte, sia in Italia che all’estero, a numerosi eventi ed esposizioni, collettive e personali.

Visione artistica e tecnica

I lavori di Bianca Beltramello si collocano nel surrealismo e nel simbolismo allo stesso tempo:  la spiegazione di un’opera è dentro l’opera stessa. I titoli rimandano alla liturgia e tradizione cattolica in latino, come frammenti di sacralità ricontestualizzati ed interiorizzati, espressi pittoricamente nella loro verità intrinseca e profonda.

Nelle sue opere, il corpo diventa una tela vivente su cui si incidono, imprimono ed esprimono le sofferenze e le estasi. L’uomo si trova teso fra quattro poli: l’estasi spirituale e l’estasi carnale, il tormento spirituale e quello carnale e in questa tensione estrema si lacera. Il corpo lacerato diviene così simbolo della lacerazione dell’anima.

L’artista individua e sviluppa nei suoi quadri la ricerca interiore dell’umano in rapporto al divino che si esprime tramite un dualismo di valori e miserie, di santità e dannazione, di carnale e ultraterreno.

Piacere e dolore si esprimono nella loro forma più affine, come parti complementari di un’unica percezione ed espressione. Il mondo materiale, rappresentato nei corpi, è pervaso dal misticismo: antiplatonicamente, il mondano diventa la causa e la fonte dell’ultraterreno. In una prospettiva post-esistenzialista, il trascendente trova la sua massima espressione nell’erotico, espresso nei corpi e nelle menti come connubio di misticismo e tormento. È questo che genera la tensione artistica, palpabile nelle opere pittoriche di Bianca Beltramello.

Per questo i soggetti preferiti dall’artista non sono mai perfettamente definiti: i corpi sfumano, si aprono e si rinchiudono, gli oggetti che li circondano li intersecano e si fondono con essi. Nebbie impalpabili di ori preziosi e lucenti si dipanano eteree ma avvolgenti, guizzi di colore creano movimenti veloci e inaspettati, mentre fondi cupi e bui riportano alla dimensione umana mortale. Abbondano ori abbacinanti negli interventi pittorici materici, in contrasto con la trattazione fotorealistica digitale dei corpi. È proprio il corpo, maschile e femminile, il soggetto centrale dei  dipinti, analizzato nella sua sensualità come emblema del rapporto fra essenza ed esistenza.

 

Biography

Bianca Beltramello was born in Milan in 1996.

After her scientific high school graduation, she starts studying Modern Literature at Università degli Studi di Milano, getting the “Exploit Your Talent” scholarship.
She graduates as Corset-maker from Sartoria Teatrale Fiorentina (2016), and attends a specialization course in Menswear Pattern Making at Istituto di Moda Burgo (2017).
She graduates in Fashion Design from Istituto Marangoni (2018).

After her experience as an antique clothing restorer, she worked as burlesque costume designer. She is currently working as Prints and Graphics Designer at Versace.

As fashion designer, she collaborated with various fashion professionals. working on capsule collections and personal runway shows.

Visual artist by vocation, her talent was initially discovered by Enzo Migneco “Togo” in 2009.
Since then, she collaborated with various international artists.

Her paintings and illustrations have been exposed internationally in personal and collective exhibitions.

In her works, the body becomes a living canvas on which suffering and ecstasy are engraved, impressed and expressed. “Man finds himself stretched between four poles: spiritual ecstasy and carnal ecstasy, spiritual and carnal torment and in this extreme tension it is torn. The lacerated body thus becomes a symbol of the laceration of the soul. But the artist’s real torment remains impossible to explain in words because, if it were, there would be no need to paint.”

Pleasure and pain are expressed in their most similar form, as complementary parts of a single perception and expression. The material world, represented by bodies, is pervaded by mysticism: in an anti-Platonic way the mundane becomes the cause and source of the otherworldly. In a post-existentialist perspective, the transcendent finds its maximum manifestation in eroticism, expressed in bodies and minds as a combination of mysticism and torment.

Bianca Beltramello’s works are placed in surrealism and symbolism at the same time: “The explanation of a work is the work itself”. “In my works dazzling golds and decorativisms abound, in contrast with the naturalistic rendering of bodies. The body, male and female, is the central subject of my paintings, analyzed in its sensuality as an emblem of the relationship between essence and existence “.